Testimoni del presente – Donato Ungaro e Paolo Bonacini

Questo tempo richiede occhi aperti, richiede l’ascolto di storie che ci cambiano, che ci muovono civilmente alla presenza, al discernimento, alla cittadinanza.
Ringraziamo profondamente i giornalisti Paolo Bonacini e Donato Ungaro.
Le infiltrazioni mafiose nel nostro territorio sono un fatto che il processo Aemilia ha rivelato con chiarezza, due testimoni preziosi del nostro tempo ci hanno aiutato a capire, e a farci buone domande.
Come diceva la giovanissima Rita Atria: “prima di combattere la mafia fuori di te, devi combattere la mafia che c’è dentro di te, la mafia siamo noi, il nostro modo sbagliato di comportarci.”
La Casa delle Storie è grata a tutto il pubblico accorso, a ognuno di voi.
Mette speranza vedere una famiglia che viene con i figli ad ascoltare, non è mai troppo presto per capire, bisogna lavorare quando la pianta è piccola, diceva il giudice Rocco Chinnici, camminiamo dentro una linea d’ombra che ci chiama al coraggio insieme.
Grazie.

Lascia un commento